A Bari – Barivecchia presso il Chiostro di Santa Chiara si sta svolgendo la 36esima edizione del Festival di musica contemporanea Time Zones sulla via delle musiche possibili, che nasce da un’idea ambiziosa ed innovatrice di Gianluigi Trevisi, anima di Time Zones, di cui è direttore artistico dal 1986.
Si tratta di uno dei maggiori eventi a Bari dedicati alla musica che vede coinvolti artisti di fama mondiale.

Venerdì 10 settembre 2021, alle ore 21, in programma c’è stata la presentazione del libro La solitudine del sovversivo di Marco Bechis, Guanda Editore 2021, che racconta il periodo vissuto da prigioniero, dopo essere stato sequestrato da un gruppo di militari in borghese, durante le nefandezze della dittatura argentina di Videla. La voce narrante è stata quella della figlia dello stesso Bechis, Vijaya Bechis Boll.

Ha introdotto la serata la pregevole esibizione della pianista Daniela Mastrandrea.

Marco Bechis, cileno di nascita, in parte italiano ed in parte argentino, è un regista, produttore e sceneggiatore pluripremiato di un cinema che tratta in gran parte le tragedie del continente sudamericano, essendo lui stato un testimone e protagonista di tali avvenimenti.

Durante la lettura di alcune pagine del libro, lo stesso Marco Bechis ha partecipato, con voce e chitarra, interagendo con le musiche composte e suonate da Pierpaolo Vitale, in arte “Sette”, con voce, chitarra e percussioni, eseguite dai Magpies di cui fanno parte il chitarrista e voce Ser Jo (Sergio Moleas), il batterista e percussionista Claudio Vitale e la bassista e voce Ottavia Farchi. Preziosa è stata la collaborazione di Gianmarco Tinelli, supporto artistico e tecnico, di Tomàs Onorato, camera backstage e foto, di Cloe Salmeron, camera backstage e foto.

 
© Riproduzione Riservata
 

Nessun commento

Lascia un Commento