Nel pomeriggio di lunedì 7 maggio 2018, come da tradizione, da Baia San Giorgio a Bari è avvenuto lo sbarco del quadro dell’immagine sacra di San Nicola, in seguito posizionate sulla caravella del corteo storico.

Alle 20.45 circa dal Castello Svevo è partito l’attesissimo Corteo storico diretto, per il secondo anno consecutivo dalla coreografa e ballerina Elisa Barucchieri. Quest’anno sei quadri scenici e due spettacoli hanno raccontato la vita del santo patrono di Bari con tre sfere della “provvidenza”: la prima sfera raccontava del primo pellegrino giunto nella città per venerare le ossa del Santo, Barlaam di Tostov; la seconda sfera, nella quale volteggiava una ballerina, faceva riferimento all’uccellino che indicò ai sessantadue marinai baresi come tornare a casa dopo la Traslazione da Myra; la terza sfera, al cui interno si esibivano tre ginnasti, trattava dei tre generali che furono salvati dal Santo dalla condanna a morte decisa dall’imperatore Costantino.

Il corteo storico si è sviluppato su Corso Vittorio Emanuele, sul lungomare di Bari per terminare sul sagrato della Basilica di San Nicola. Sono state oltre due ore di spettacolo in strada seguiti da migliaia di fedeli e cittadini, con quadri scenici, cinquecento figuranti in costume tra cui acrobati, danzatori, sbandieratori, ginnasti, cavalli e cavalieri. Il pubblico presente è stato coinvolto a muovere le strisce di stoffa azzurre che davanti alla caravella rappresentavano le onde del mare.

Altamente suggestiva è stata la danza aerea ed acquatica, coreografia della Barucchieri, che si sono tenute di fronte al palazzo comunale e la prefettura e poi sul sagrato della basilica di San Nicola, dove è stato anche proiettato un video mapping.

La voce di San Nicola è stata quella dell’attore e doppiatore Pino Insegno.

 
© Riproduzione Riservata
 
 

Nessun commento

Lascia un Commento