Per il quinto anno consecutivo, il 27 aprile 2018 si è aperta a Bari presso lo Spazio Murat in piazza del Ferrarese la ”Mostra internazionale “World Press Photo 2018” che rimarrà aperta sino al 27 maggio 2018, grazie all’impegno di ”CIME” di Vito Cramarossa.

La Fondazione World Press Photo (WPP), nata nel 1955 come organizzazione indipendente e no-profit, tutela la libertà di informazione, inchiesta ed espressione e promuove il fotogiornalismo di qualità in tutto il mondo.

La 61esima edizione è il risultato finale dei vincitori del concorso di fotoreportage che vede la partecipazione di centoventicinque stati, settantatremila immagini e seimila fotoreporter delle maggiori testate editoriali nel mondo, tre le quali: The New York Times, AP, Le Monde, Reuters, El Pais. Le trecentododici foto di quarantadue autori sono state selezionate da una giuria internazionale indipendente con presidente Magdalena Herrera, che dirige la fotografia a Geo France, nell’ambito di otto categorie: La Natura e l’Ambiente, la Vita Quotidiana, i Mutamenti Climatici e Sociali, i Reportage di Guerra e la Ritrattistica. Tra tutte le immagine viene scelta la ”World Press Photo of the Year”.

L’evento si svolge in quarantacinque Paesi. A Bari sono esposte le centocinquanta immagini vincitrici e durante la mostra saranno presenti fotoreporter di fama internazionale.

A vincere questa 61esima edizione della “Mostra internazionale “World Press Photo 2018” è stato Ronaldo Schemidt dell’agenzia Agence France-Presse con lo scatto che ritrae un giovane venezuelano in fiamme durante una manifestazione di protesta contro Maduro Nicolas, presidente del Venezuela.

Nel titolo delle foto i nomi degli autori –

Info:
Lunedì – Giovedì: 10:00 – 20:00
(ultimo ingresso ore 19:00)
Venerdì – Sabato: 10:00 – 22:00
(ultimo ingresso ore 21:00)
Domenica: 10:00 – 20:00
(ultimo ingresso ore 19:00)

Costo del Biglietto:
Intero: € 5,00
Ridotto: € 4,00 (under 25 e over 65)
Scuole: € 3,50
Abbonamento: € 10,00

http://www.worldpressphotobari.it/

 
© Riproduzione Riservata
 

Nessun commento

Lascia un Commento