A Rignano Garganico, in Provincia di Foggia, ha avuto luogo lunedì 19 marzo 2017, come da consolidata consuetudine, la Festa in onore di San Giuseppe, caratterizzata, in serata, dalla processione della statua del santo ivi venerata, e dall’accensione dei falò devozionali, popolarmente detti “fanoje”.

I festeggiamenti religiosi in onore dello Sposo della Beata Vergine Maria sono entrati nel vivo già nel pomeriggio, quando nella Chiesa Madre di Santa Maria Assunta si è tenuta, alle ore 17:15, la recita della Corona dei Sette Dolori, a sua volta seguita dalla Solenne Concelebrazione Eucaristica delle ore 18:00, presieduta dal parroco don Santino Di Biase e conclusasi con la consueta benedizione dei papà, essendo San Giuseppe il padre putativo di Gesù Cristo Nostro Signore.

Al termine della funzione religiosa, intorno alle ore 19,00, ha avuto luogo la Processione, con fiaccolata, della statua lignea e policroma di San Giuseppe per le vie principali del paese, durante la quale, sono state accese ben cinque grandi fanoje, subito dopo aver ricevuto la benedizione del parroco. Di esse, le prime tre, in ordine di accensione, sono state allestite da gruppi di giovani del posto rispettivamente in Via Venezia (tra il belvedere e la grande Croce metallica dei Padri Passionisti), in Via Gramsci, in Via G. Leopardi, mentre le ultime due in Via Berlinguer. Su ciascuna fanoja, sormontata al centro da un albero e ricoperta da ramoscelli d’ulivo, è stata collocata un immagine di San Giuseppe, in segno di devozione.

Sempre in Via Berlinguer, davanti al circolo dei cacciatori è stata accesa l’ultima fanoja, preceduta da un piccolo spettacolo pirotecnico, e subito dopo i partecipanti alla processione e all’accensione dei falò ed altre persone del posto si sono riuniti insieme per prendere parte ad un momento conviviale, gustando gratuitamente le prelibatezze dell’enogastronomia locale. Dopodiché la statua di San Giuseppe è stata ricondotta, sempre in processione, nella Chiesa del Carmine, sua dimora originaria, ubicata all’ingresso del centro storico, di fronte al Palazzo Baronale ed in prossimità del luogo dov’era un tempo la Porta Grande, non più esistente.

Il presente fotoreportage è integrato dalle sottostanti sei immagini aventi per oggetto:
la statua policroma di San Giuseppe che si venera a Rignano Garganico (foto n. 1);
un momento della processione dello stesso simulacro (foto n. 2);
la fanoja, ancora spenta, allestita presso Via Gramsci e recante un’immagine di San Giuseppe (foto n. 3);
la fanoja, accesa in Via Venezia, tra il belvedere e la grande Croce metallica dei Padri Passionisti (foto n. 4);
l’accensione, con fuochi pirotecnici, della fanoja allestita in Via Giacomo Leopardi (foto n. 5);
il manifesto dell’evento (foto n. 6).

 
© Riproduzione Riservata
 

Nessun commento

Lascia un Commento